il Narratore
i Libri
short Stories
brevi Saggi
Note
i Media
Home
Presentazione
Detto cosi alla buona, tutti i viventi sentono la necessitá di raccontarsi le storie che, anche indirettamente, li riguardano e di riportare, cambiandole, le storie che hanno sentito raccontare, in un infinito narrativo che ha in Sherazade la sua figura simbolica.

Perché una figura simbolica femminile, quando la maggior parte dei narratori è dell'altro sesso? Sempre per dirla alla buona, in questi meandri siamo guidati solo dall'istinto... e poi perché nutrici e streghe, nonne e mamme, fate e spose ci hanno melodicamente raccontato le storie di quell'infinito narrativo, anche attraverso i loro silenzi e hanno saputo infondere la vita nelle loro storie.

C'è dunque una matrice femminile del racconto, che si rende visibile ponendo quasi sempre una donna, forte e determinata come Sherazade, all'origine del potere incantatore di ogni storia e dell'accompagnamento operato di storia in storia.

E, come Sherazade, attraverso la forza e la necessitá della narrazione, opponiamo alla morte il gioco della trama infinita che intreccia le storie vere e le storie inventate, senza permettere che il realismo delle nostre azioni prevalga sui canoni arcaici de fantastico.

Una bella partita a scacchi quella tra il narratore e la morte! Perché con Walter Benjamin ormai sappiamo che il narratore è l'uomo che potrebbe lasciar consumare fino in fondo il lucignolo della propria vita alla fiamma misurata del suo racconto.

E-mail: giusfiori[at]gmail.com





Guarda "Il Mostro Gentile", adattamento teatrale
de "La leggenda dell'Acanpesce".



Di cosa parliamo quando parliamo di immaginazione
2022, Edizioni Conoscenza
Stringhe di memoria
2021, Manni Editori
Il pasticciaccio del commissario Martini
2019, Manni Editori
La memoria spezzata
2017, Manni Editori
La conversazione sparita
2013, Manni Editori
Il commissariato farlocco
2018, Delos Digital
Sherlock Holmes a Monza
2019, Delos Books


Copyright © 2005-2021 Giuseppe Fiori
Contatti Credits